Cerca

Ingeneria Cellulare e Molecolare

Paolo A. Netti

Filippo Causa

Valeria Panzetta

David Dannhauser

I fluidi biologici sono una “miniera d’oro” di informazioni che possono definire lo stato fisiologico o individuare patologie degli individui. Il successo di una diagnosi precoce e corretta dipende dall’efficace recupero di queste informazioni dal fluido. Sfortunatamente, la concentrazione di molecole bersaglio specifiche per patologie critiche è solitamente inferiore al limite di rilevamento degli apparati di test convenzionali. Inoltre, alcuni fluidi sono disponibili solo in piccoli volumi. In questo senso, i Lab-on-a-Chip (LOC) sono emersi come tecnologie leader che promettono di avere un impatto drammatico sulla prossima generazione di dispositivi diagnostici. LOC si riferisce a un insieme di tecnologie che consentono di eseguire operazioni, che normalmente richiedono un intero laboratorio, su scala miniaturizzata, all’interno di un dispositivo portatile o palmare. I LOC apportano enormi vantaggi in diagnostica, biologia cellulare, microbiologia e biochimica poiché richiedono il trattamento di volumi molto piccoli di analita e piccole quantità di sostanze chimiche e reagenti. In particolare, il mercato dei dispositivi LOC legati alla diagnostica in vitro (IVD) raggiunge i 45,7 miliardi di dollari di vendite globali nel 2012, con una proiezione che raggiungerà i 65 miliardi di dollari nel 2017. All’interno del mercato IVD, i dispositivi per la diagnostica molecolare e i dispositivi Point-of-Care (POC) le categorie sono le più emergenti. Un’implementazione efficace del LOC richiede l’integrazione di microfluidica, fenomeni di trasporto, funzionalizzazione superficiale e reazioni multifase. Le attività svolte nel laboratorio LOC si concentrano sugli aspetti tecnologici legati alle applicazioni lab-on-chip. Più in dettaglio, tecnologie e processi appositamente sviluppati consentono la fabbricazione di particelle per saggi basati su microsfere in fluidi biologici all’interno di microdispositivi; micro e nanofabbricazione di piattaforme microfluidiche; simulare le condizioni di lavorazione; sviluppo di schemi di lettura per ottenere firme specifiche di cellule viventi o biomarcatori.

Rheometro (MCR 302 – Anton Paar)

Microscopio CellR 

Microscopio invertito (iX81 – Olympus)

Microscopia Olografica (Lyncee)

Microfresatura (Minitech)

Telecamera ad alta velocità (Mikrotron)

Piazzale Tecchio 80, Polo ovest ‘Ingegneria’ Fuorigrotta

Piano -1 sezione Polimeri (DICMaPI)

Stanza 11

Questo sito utilizza solo cookie tecnici necessari al suo funzionamento. Per maggiori dettagli, consulta la nostra Cookie Policy. Continuando la navigazione, acconsenti all’uso di questi cookie.