Cerca

Realizzata una matrice polimerica con punti quantici di carbonio

Un nuovo materiale nanocomposito a matrice polimerica, che presenta diverse funzionalità, quali la trasparenza, la fotoluminescenza ai raggi UV, una elevatissima idrofobia e soprattutto, la capacità di recuperare una forma prestabilita a seguito di uno stimolo termico, è stato recentemente ottenuto dalla collaborazione tra un gruppo di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Chimica, dei Materiali e della Produzione Industriale (DICMaPI), coordinato dal prof. Antonio Aronne e composto da Aurelio Bifulco, Claudio Imparato, Giuseppe Vitiello, Michele Perrella e Immacolata Climaco, e uno del Dipartimento di Scienza Applicata e Tecnologia del Politecnico di Torino, coordinato dal prof. Giulio Malucelli.

L’attività di ricerca, che era rivolta allo sviluppo di un materiale da utilizzare nel campo dell’anticontraffazione, è stata supportata finanziariamente dalla Philip Morris International, in collaborazione con il Centro Servizi Metrologici e Tecnologici Avanzati (CeSMA) della Federico II.

Le peculiarità di questo materiale sono diverse. La principale è che la sua multifunzionalità scaturisce da una piccolissima variazione composizionale della matrice polimerica epossidica realizzata per aggiunta di una minima componente inorganica (1% in peso) e una di ancor più bassa concentrazione di punti quantici di carbonio (inferiore o uguale allo 0,3% in peso).

Il materiale presenta eccezionali proprietà di resistenza alla fiamma superficiale che gli consentono un recupero di forma anche per esposizione diretta a una fiamma libera (“flame-triggered shape recovery effect”( Video). I risultati di questa attività sono stati pubblicati su una importante rivista a diffusione internazionale nel campo dell’ingegneria Chimica (Chemical Engineering Journal).

Questo sito utilizza solo cookie tecnici necessari al suo funzionamento. Per maggiori dettagli, consulta la nostra Cookie Policy. Continuando la navigazione, acconsenti all’uso di questi cookie.